Estate 2005

Era fine giugno, mangiavo in una pizzeria di Olbia con 2 amiche e nonostante la confusione, nella mia testa sentivo chiara quella canzone.

Cercavo di evadere e di evitare la domanda che da circa un'ora mi pioveva addosso "e adesso, cosa pensi fare?" ma non le ascoltavo, non volevo fare proprio nulla io. Mi sarebbe piaciuto svegliarmi un giorno e sapere che altri avevano fatto per me la scelta giusta.

Guardavo oltre e mi sentivo proprio come in quella canzone:

 

In bilico e intanto il tempo passa e tu non passi mai

Nascondo questa stupida allegria quando mi guardi

Non senti che tremo mentre canto

E' il segno di un'estate che vorrei potesse non finire mai.

 

Ma non è così che funziona. Quando devi prendere delle decisioni importanti che riguardano anche altre persone oltre te è sempre difficile, soprattutto perchè sai che la tua decisione ferirà quelle persone. Persone alle quali, nonostante tutto, hai voluto bene.

Avrei potuto mettere la testa sotto la sabbia e aspettare. Ma cosa? Loro, le mie amiche, mi provocano ma io non reagivo.

Restavo inerme mentre affondavano un altro colpo. Non sapevano che il mio cuore aveva già deciso da tempo ed ora aveva il difficile compito di convincere anche la testa.

 

Era metà Agosto, stavo passando le vacanze al mare con 2 coppie di amici e quello che, fino a quella mattina, credeva ancora di essere mio marito. Per me non lo era più, ed ora lo aveva capito anche la testa. Quella mattina ho preso il cellulare e ho prenotato un volo di solo andata per tornare a casa. Avevo bisogno di stare da sola, di leccarmi le ferite. Sicuramente ne ho inferte molte, ma nel farlo me ne sono procurate molte anche io e in quel momento avevo voglia di pensare solo a me.

 

Era fine Agosto, ero chiusa in casa da sola, leggevo molto e mangiavo quando capitava. Ero felice. Testa e cuore andavano nella stessa direzione. Solo per te io ho cambiato pelle, non potevo più sopportare l'idea di passare le stagioni della vita senza di te. Dopo non è stato sempre facile, ma eravamo insieme e questo per me voleva dire tutto.

 


Scrivi commento

Commenti: 0