19 e 20 agosto 2006 - PERU'

19 agosto

Alle 10 circa partiamo sempre in pullman per PUNO, sul LAGO TITIKAKA. 5 ore di viaggio infernale su strade non asfaltate, non tutte. Strada facendo, con la sim peruviana, prenotiamo un albergo al centro della città.

 

In PLAZA DE ARMAS, il centro della città, c'è una delle più belle cattedrali che abbiamo visto fino ad ora. Molto semplice e spoglia, ma suggestiva. Scorgendo la città da lontano (mentre ci avviciniamo con il pullman) notiamo che Puno è un'immensa distesa di case di fango che si affacciano sul lago, che sembra un mare, in mezzo alle montagne. E' un paesaggio molto affascinante.

 

Questa volta il nostro è un albergo abbastanza moderno e in stile occidentale. Lo abbiamo scelto per via del freddo che fa da queste parti. Avedo poco tempo a disposizione iniziamo a girare avidamenete la città e prenotiamo la gita sul lago per la mattina successiva. Intorno alla Plaza c'è una via pedonale molto movimentata. Ristoranti, negozi e bar.....e un sacco di gente che vuole trascinarti nel proprio locale.

Tutta la giornata è stata caratterizzata dalla ricerca di negozi di elettronica e fotografia per cercare il carica batterie della macchinetta digitale di Claudio (che è sempre dentro il bagaglio smarrito). Siamo praticamente entrati in tutti i negozi di Puno, anche nelle pasticcerie....non si sa mai (°_°)

 

Naturalmente siamo riusciti a trovarlo....e allora il mitico Ingegner Claudio decide che, con il caricabatterie del cellulare Nokia e due fili (quelli della luce pe intenderci) molto sottili, riuscirà a ricaricare la sua Sony. Dopo ore e ore di ricerca, riesce a trovare sti pezzi di rame in un negozio di riparazioni elettrodomestici e qualsiasi cosa avesse una presa o delle batterie. Quando è entrato per spiegare cosa volesse fare, credo che il signore si sia messo paura....per questo secondo me lo ha assesondato e aiutato! Dopo tutta questa fatica spesa, credete che abbia funzionato? E voi credete male....

 

Giriamo un po' per il mercato....almeno fino a che c'è luce. Man mano che la giornata inizia volgere al termine decidiamo un localino per cenare. Ci sono un mare di pizzerie, tutte con forno a legna. Ne scegliamo una, entriamo e per scaldarci prendiamo subito un VINO CALIENTE. Una tazza di vino rosso caldo aromatizzato, Claudio momenti sviene perchè a lui non piace la cannella (^_^) e poi ordiamo delle pizze davvero molto buone....ammazza che forti sti peruviani!

20 agosto

Titikaka è il lago navigabile più alto del mondo, a 3860 sul livello del mare. Acciambellato al confine fra la Bolivia e il Peru è lungo 150 km e profondo 300 metri. Sul lago abitano le popolazioni UROS che costruiscono le loro capanne su isole galleggianti artificiali.

 

Queste Isole sono costruite con una specie di canna chiamate TOTORA, che cresce in abbondanza lungo le sponde del lago. Queste canne vengono stratificate in continuazione, man mano che gli strati più vecchi marciscono e si distruggono. Con queste canne, gli Uros costruiscono oggetti diversissimi, comprese le barche con cui vanno a pescare.

 

Ma non è tutto, gli Uros si cibano anche di Totora....la consumano fresca oppure ci fanno della farina per preparare dei biscotti...niente di speciale, ma buona (^_^) Non mi è mai capitato di camminare e correre su un pavimento flottante.....una cosa strana. Nonostante il paesaggio fosse molto bello e regnasse una sensazione di calma, cullati dalle acque del lago sotto quel cielo così limpido nel mezzo della natura, ho provato una sensazione di chiusura e soffocamento.....cavolo ragazzi, quelle isole sono minuscole. Alcune delle più piccole avranno avuto al massimo una superficie di 200/300 mq.....se litighi con un tuo vicino e decidi che non lo vuoi più vedere dove te ne vai? (°_°)


Scrivi commento

Commenti: 0