21 agosto 2006 - PERU'

Ieri pomeriggio siamo partiti da Puno in direzione CUZCO - L'ombelico del mondo. Ci avevano consigliato il treno perché "molto pittoresco"....ma, dopo esserci informati, scopriamo che impiega circa 11 ore e c'è una differenza di prezzo abissale tra la prima e la seconda classe. 119 dollari la prima e 17 la seconda....pazzesco.

Qualcuno ci dice che in seconda classe si viaggia comunque bene, qualcun'altro invece racconta di viaggi tipo "sardine in scatola".

 

La prima classe costa mille lire, la seconda cento, la terza dolore e spavento.

E puzza di sudore dal boccaporto e odore di mare morto.

Sior Capitano mi stia a sentire, ho belle e pronte le mille lire, in prima classe voglio viaggiare su questo splendido mare.

 

Non ci fidiamo di nessuno.....e decidiamo di prendere il solito pullman che ormai conosciamo bene e che impiega comunque le sue belle 8 ore per fare 380 km circa. Cuzco, situata nel cuore del Perù, si trova ad un'altitudine di 3.400 metri ed è la città più antica del continente americano. A ragione rivendica il titolo di capitale del Perù su Lima, non certo per la grandezza, ma per la storia e la posizione. E' una città molto affascinante, dove splendidi edifici coloniali e religiosi sono costruiti sulle massicce fondamenta in pietra degli incas.

 

Passeggiando tra le strette strade di ciottoli si possono incontrare numerosi discendenti incas che parlano ancora la lingua quechua (si legge checiua).

A Cuzco gli Incas vissero industurbati fino al 1533, anno in cui arrivarono i conquistadores spagnoli, guidati da Francesco Pizarro. Dopo averla conquistata e saccheggiata, gli spagnoli posero la loro attenzione su Lima, facendo decadere l'importanza di Cuzco che divenne solo una delle tante città coloniali. Oro e argento erano spariti e molto edifici inca erano stati abbattuti per far posto alle Chiese e alle case coloniali. Gli Incas provarono a ribellarsi ma, nonostante la superiorità numerica, non riusciro a far fronte ai conquistadores che avevano le armi da fuoco.

 

Altri eventi nel corso degli anni scossero, nel vero senso della parola, la città di Cuzco: 2 fortissimi terremoti che distrussero la città e tutti i palazzi costruiti dai conquistadores. Non a caso poi gli edifici furono ricostriuti sulle fondamenta incas, molto più stabili.

 

Il cuore della città è Plaza de Armas, li acquistiamo il BOLETO TURISTICO che con 10 dollari ti permette di visitare diversi posti, sia in città che fuori. Sulla piazza si affacciano 2 Chiese molto importanti, LA CATEDRAL e la COMPANIA, (secondo noi più bella della prima e ad ingresso libero) costruita sopra le fondamenta del palazzo dell'ultimo sovrano Inca che regnò su un impero unito e non ancora conquistato.

A causa dei conquistadores e dei terremoti che distrussero tutto, le Chiese e i palazzi sono affrescati da dipinti moderni della ESCUELA CUZQUENA di pittura.

 

Cuzco è una città molto turistica, ed è facile trovare alberghi e ristoranti per tutti i gusti e per tutte le tasche. Stravolti da una giornata intensa mangiamo una pizza cotta nel piccolo forno a legna di una pizzeria e torniamo in albergo. Abbiamo dormito, per una manciata di euro, in un albergo centralissimo costruito in un antico palazzo inca....molto emozionante dormire con la testiera del letto poggiata su una parete costruita centinaia di anni prima dagli incas.


Scrivi commento

Commenti: 0