Storia delle calze all'inizio del XX secolo

Mi dispiace che il Dr. Wallace Hume Carothers sia morto suicida nel 1937, appena 20 giorni dopo aver consegnato il brevetto per l'invenzione del secolo: il nylon.

E' un peccato che non abbia potuto vedere il successo della sua scoperta mentre lavorava all'industria chimica DuPont.

 

Il termine nylon deriva dalla parola "No-Run" (non si smaglia), come i ricercatori avevano scelto di chiamare il loro prodotto. Dato che il settore pubblicità della DuPont non era convinto di questo nome continuò a cercare finché approdò al nome "Nylon". La ditta pubblicizzò la sua invenzione già a partire dal 1938 e mise in luce un suo possibile utilizzo per le calze da donna. Il 24 ottobre 1939 le prime calze di nylon fecero il loro ingresso sul mercato. Le 4000 paia di calze di nylon prodotte per eseguire il test di prova vennero vendute in sole tre ore. Solo dopo questa vendita di prova, il 15 maggio 1940 ebbe inizio la vendita ufficiale in tutto il Paese. Nei primi quattro giorni vennero venduti 4 milioni di paia di calze.

 

fonte: http://collant.ch/content/22-storia-delle-calze-seconda-parte

Immagine presa dal sito della DuPont. Una gamba di 10 metri che a Los Angeles pubblicizzava il nylon
Immagine presa dal sito della DuPont. Una gamba di 10 metri che a Los Angeles pubblicizzava il nylon

A dire il vero le calze si usavano anche prima di questa scoperta, ma erano realizzate in lana e in cotone, mentre agli inizi degli Anni Venti si potevano trovare calze di seta, ma erano decisamente costose e destinate ad una élite di persone.

Capite bene quindi come la scoperta rivoluzionò il mercato.

 

Con la guerra, le calze in nylon diventano difficili da reperire e così le più giovani optano per quelle corte, mentre le più audaci iniziano a truccarsi le gambe con il fard o dei prodotti appositi e simulano la cucitura sul retro con l'eyeliner.

E dopo il nylon, negli anni 50 inizia a prendere piede la Lycra che permette la produzione delle prime calze senza cucitura. Con l'avvento della Lycra, la calza diventa più aderente e resistente, migliorando sensibilmente la vestibilità e l'estetica.


La scoperta di questi tessuti sintetici trasformarono anche altri accessori, come i reggiseni, in prodotti democratici ed accessibili a tutti.


0 Commenti

Eccovi altri 3 film vintage da non perdere

Eccovi altri 3 bellissimi film che dovete assolutamente vedere. Intelligenti, divertenti e sentimentali.

 

Vi commuoverete nelle vicende personali delle giocatrici di baseball, vi divertirete alle sfarzose feste del giovane Gatsby e sognerete l'amore insieme a Sophie.

Ragazze vincenti (1992, titolo orig. "A League of Their Own").

Una bellissima storia vera che narra le vicende del campionato di baseball americano del 1943. Campionato tutto al femminile per la mancanza di giocatori "uomini" richiamati alle armi.

 

Dagli inizi faticosi, le difficoltà del rapporto con il frustrato allenatore Jimmy Dugan, i non facili umori del pubblico, fino alla felice ripresa dei consensi.

 

Una dolcissima storia di amicizia e solidarietà interpretata egregiamente da Geena Davis, Tom Hanks e dalla camaleontica Madonna che interpreta la spregiudicata Mae.

A 1949 South Bend Blue Sox team photo from the Norma Metrolis Collection. (National Baseball Hall of Fame Library)
A 1949 South Bend Blue Sox team photo from the Norma Metrolis Collection. (National Baseball Hall of Fame Library)

The Great Gatsby, film del 2013, tratto dal romanzo omonimo di Francis Scott Fitzgerald.

 

E' una storia che racconta gli amori impossibili, i drammatici eventi, la solitudine umana, il lusso sfrenato, la sensualità sfacciata, la superficialità delle persone e le illusioni, irrealizzabili ma necessarie per vivere.

I protagonisti di questa storia sono Nick, sua cugina Daisy, il marito Tom e Gatsby, misterioso milionario a cui piace organizzare feste e che possiede una sontuosa villa proprio difronte a quella di Daisy e di suo marito.


Nonostante il romanzo sia stato scritto negli anni Venti, tratta temi molto attuali

Magic in the Moonlight (film del 2014 scritto e diretto da Woody Allen, con Emma Stone e Colin Firth).

 

1928, Sud della Francia. Stanley, famoso e arrogante illusionista inglese, viene ingaggiato da un amico a smascherare una giovane sedicente sensitiva, Sophie, sospettata di essere mossa da scopi fraudolenti ai danni di ricchi personaggi della Costa Azzurra.

Stanley che all'inizio è scettico e razionale, con il passare dei giorni inizia a mettere in dubbio le sue certezze.


In America il film è vietato ai minori di 13 anni per l'eccessivo fumo ed i commenti inappropriati.

Io dico invece che i dialoghi italiani sono così intelligenti da farvi male alle orecchie :) e gli abiti di lei da sogno.


0 Commenti

Cinema Vintage:4 film da vedere

Ecco altri bei film di ispirazione vintage da vedere durante queste feste, rigorosamente stravaccati sul divano sorseggiando una tisana depurativa dopo gli stravizi culinari ai quali avete partecipato.

 

MIDNIGHT IN PARIS (film del 2011 scritto e diretto da Woody Allen)

Narra le vicende di Gil, sceneggiatore di successo annoiato dalla sua vita e di hollywood, che si trova in vacanza a Parigi con la fidanzata per ritrovare l'ispirazione necessaria a completare il suo romanzo, compito in cui viene scoraggiato costantemente da tutti.

Rimasto a passeggiare in solitudine nella notte parigina, Gil accetta un passaggio su di un auto d'epoca e per incanto si ritroverà trasportato  indietro nel tempo, nella Parigi degli anni venti e della "Generazione perduta", su cui ha sempre fantasticato.

In quelle notti Gil incontrerà scrittori e artisti che a quell'epoca soggiornavano a Parigi: FitzgeraldCole Porter che prova la sua Let's Do It al pianoforte, Ernest Hemingway e molti altri.

Se vi piace Woody Allen, sono sicura che vi piacerà questa particolare storia di amore.

 

THE ARTIST (film muto francese del 2011 scritto e diretto da Michel Hazanavicius)

Ambientato ad Hollywood nel 1927, il film ci racconta in maniera eccellente le vicende di due attori del cinema muto. La disastrosa caduta del grande divo e sex symbol George Valentin e la straordinaria ascesa della bellissima Peppy Miller.


Una romantica commedia di altri tempi che vi catapulterò nei meravigliosi "Ruggenti anni venti"

 

TUTTI PAZZI PER ROSE (film francese del 2012 diretto da Régis Roinsard, titolo orig. "Populaire")

E' la primavera del 1958 e Rose Pamphyle, 21 anni, decide di cambiare la sua vita lasciando il burbero padre a gestire la drogheria di famiglia e il promesso sposo meccanico nel piccolo villaggio della Normandia dove vive.


Partirà per Lisieux e incontrerà Louis Échard, 36 anni, carismatico proprietario di una compagnia di assicurazioni che è alla ricerca di una segretaria. Il colloquio è un fiasco, ma Rose ha un innato talento: batte a macchina a un velocità impressionante e risveglierà l'ambizioso atleta che ormai dorme in Louis.


Una romantica e divertente commedia da non perdere assolutamente.

 

MISTER HULA HOOP (film del 1994 scritto e diretto dai fratelli Coen, titolo orig. "The Hudsucker Proxy")

E' una brillante commedia dei fratelli Coen ambientata a New York nel 1958 che racconta l'ascesa al potere di un neo laureato, il giovane Barnes che, da addetto alle poste, diventerà il capo delle industrie Hudsucker brevettando una sua idea geniale: l'HULA HOOP.


Una brillante e spassosa commedia piena di citazioni e ammiccamenti cinefili che i fratelli Coen ci hanno regalato.


0 Commenti

I ruggenti anni venti

Los Angeles at night, 1920. Underwood & Underwood - The New York Times photo archive
Los Angeles at night, 1920. Underwood & Underwood - The New York Times photo archive

Il primo conflitto mondiale era finito e la donna, che durante la guerra si era data molto da fare per non mandare il paese a rotoli, inizia la sua emancipazione, non solo nel mondo del lavoro pretendendo lo stesso trattamento degli uomini, ma soprattutto nel campo della moda e dello stile. Una fra tutti fu Coco Chanel che con la sua opera ha rivoluzionato il concetto di femminilità lanciando il taglio alla garçonne e creando la "petite robe noire" o meglio conosciuto come tubino.


La moda degli anni 20 vuole una donna emancipata e spregiudicata alla ricerca della modernità, con abiti cortissimi, lunghe collane di perle e la sigaretta in mano. Erano le rivoluzionarie Flapper Girls, icone di stile che ascoltavano jazz, ballavano al ritmo di charleston e fox trot e portavono i capelli alla maschietta.

Abiti

Gli abiti erano in tessuti molto leggeri: jersey, chiffon, tulle, organza e seta, senza maniche e senza vita. Delle linee dritte dalle spalle all'orlo subito sopra il ginocchio, o addirittura più corti per le più audaci. Erano abiti che lasciavano il corpo libero di scatenasi in sfrenati balli. Ed erano inoltre impreziositi da paillettes e frange che accentuavano i loro movimenti.

Accessori

Le donne degli anni '20 amavano adornarsi il collo con lunghissimi file di perle, meglio se a più giri o lasciate lunghe sul decoltè. Tra i capelli non potevano mancare delle scintillanti mollette, ma soprattutto il frontino di paillettes o strass e l’iconica piuma stile charleston.

Un altro accessorio tipico dell'epoca è il cappellino a campana, il cloche che, scendendo a coprire la fronte, faceva risaltare gli occhi marcatamente truccati. Importantissime anche le stole, i boa di piume e i lunghi guanti che superano l’avambraccio.


Una rivoluzione di quei tempi furono proprio le calze color carne. Immaginate come dovevano sentirsi trasgressive queste ragazze mentre ballavano il charleston con le loro gonne corte e le gambe avvolte dalle calze color carne. Le più giovani usavano arrotolarsele lasciando scoperte le ginocchia in modo da poterci disegnare sopra fiori, foglie, uccelli o altre semplici figure.

Scarpe

Le scarpe avevano un discreto tacco, circa 5 cm e uno stretto cinturino alla caviglia che  permetteva loro di ballare a ritmi veloci: le intramontabili Mary Jane.

Trucco

Durante i Roaring Twenties l'uso di cosmetici era una cosa nuova. Mentre alcune donne stavano cercando di imparare ad applicarli correttamente, altre cercavano di eliminarli. Queste ultime, nel Kansas, fecero introdurre un disegno di legge nel tentativo di rendere un reato l'uso dei cosmetici per chiunque sotto i quarantaquattro anni. Truccarsi "con lo scopo di creare una falsa impressione" era reato.

Ma successe che le audaci Flappers, influenzate dai film, dal jazz e dalla danza, iniziarono ad ostentare il loro trucco scioccando i genitori con le labbra dipinte in colori sempre più vivaci. Erano ormai andati i tempi in cui le ragazze si nascondevano nei bagni per truccarsi, ora mostravano le loro trousse compatte in pubblico (al tavolo del ristorante, sulla pista da ballo) con orgoglio.

 

Per completare il look, le Flappers, usavano truccarsi con una polvere molto chiara per il viso, un mascara solitamente di colore nero che veniva venduto in cialde (come gli ombretti). Per metterlo dovevano bagnare con acqua lo scovolino, passarlo sulla cialda e poi applicarlo.

Il fard era in polvere o in crema ed era applicato con un batuffolo o con le dita così come gli ombretti, applicati lungo la linea delle ciglia e poi sfumati leggermente verso l'alto.

Pennelli e applicatoti di precisione erano molto rari in quei tempi, pensate che moltissime donne non avevano neanche lo spazzolino da denti.

Per completare il trucco degli occhi veniva usato l'eye-liner. Generalmente di color marrone per le donne con gli occhi chiari e nero per quelle con gli occhi scuri, veniva applicato tutto intorno all'occhio, oppure sfumato sulla palpebra.

Le sopracciglia venivano tenute finissime perché si riteneva che così fossero più eleganti e, come tocco finale, il rossetto che doveva essere rosso scuro e decisamente brillante, quasi a disegnare una bocca a forma di cuore.

Flapper Girls famose

Louise Brooks è stata una ballerina, showgirl e attrice statunitense del cinema muto. 

Raggiunse il culmine della sua carriera in Germania dove, nei film Il vaso di Pandora e il Diario di una donna perduta del 1929, interpreta due personaggi dotati di gran carisma sensuale: una giovane libera e disinibita, costretta da circostanze avverse a diventare una prostituta.

Il personaggio di Lulù nel Il vaso di Pandora cominciò a far presa sull'immaginario collettivo rendendola l'incarnazione moderna del mito della donna fatale: sensuale, provocante, amorale e pericolosa, ma allo stesso tempo infantile, innocente e pura.

 

Quando rientrò in patria però, tutti parvero scordarsi di lei e, per guadagnarsi da vivere, iniziò a frequentare i night-club lavorando come ballerina. Recitò in film western minori, lavorò in radio e infine fu commessa del grande magazzino Macy's.

Dopo la riscoperta dei suoi film di muto avvenuta in Europa tardivamente, scoprì di avere una vena letteraria e iniziò a collaborare a riviste cinematografiche, raccogliendo in un libro, Lulù in Hollywood, i suoi saggi sul cinema muto. Riguardo al suo amore per la letteratura, era solita dire che la sua passione per i libri l'aveva resa l'idiota più erudita del mondo.

 

Alla sua immagine si è ispirato il fumettista Crepax per il più famoso dei suoi personaggi: Valentina.

 

fonte: wikipedia.org/Louise_Brooks

Pubblicità della Famous Players-Lasky Corporation (la futura Paramount)
Pubblicità della Famous Players-Lasky Corporation (la futura Paramount)

Clara Bow, una delle più famose dive dell'età del jazz, che diventò un'icona del cinema degli anni venti.

I suoi capelli rossi, la famosa bocca a cuore e il portamento alla recitazione la portarono a vincere un concorso di bellezza che le aprì le porte del cinema.

Ma è grazie all'interpretazione della vivace commessa che seduce il suo datore di lavoro nel film sentimentale Cosetta che Clara diventerà una vera star introducendo il personaggio della flapper, la "maschietta" più famosa dei ruggenti anni venti.

Il film ebbe così tanto successo che fece il giro del mondo.

La sua performance ottenne grande successo e il film la lanciò come sex-symbol.

 

fonte: Wikipedia.org/Clara_Bow

Gloria Swanson fu una delle più grandi star del cinema muto hollywoodiano.

Dopo esser riuscita a partecipare come comparsa a qualche pellicola e aver lavorato come Bathing Beauties, ragazze in costume da bagno per ravvivare situazioni comiche, riesce finalmente a procurarsi un contratto con la Paramount e interpretare ottime pellicole affiancando addirittura Rodolfo Valentino nel film L'età di amare del 1922.

Con l'avvento del sonoro l'attrice abbandonò lo schermo per dedicarsi al teatro e alla radio. Lanciò inoltre una linea di cosmetici la Essence of Nature Cosmetics by Gloria Swanson e di abiti chiamata Forever Young.

 

fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Gloria_Swanson

Letteratura

Uno degli autori più rappresentativi di questa età fu lo scrittore americano Francis Scott Fitzgerald con il suo libro "Il grande Gatsby" del 1925, in cui espose ed esaminò i problemi della sua generazione. Lo stesso autore scrisse anche undici piccoli racconti sull'età del jazz "Tales of the Jazz Age" nel 1922. Chi invece criticò fortemente gli usi e i costumi di questo periodo fu Edith Wharton con il suo romanzo Twilight Sleep

 


Ci sono 2 film attuali che vi consiglio di vedere e che ci raccontano usi e costumi dei Ruggenti anni Venti:

Midnight in Paris è un film del 2011 scritto e diretto da Woody Allen e The Artist, film muto in bianco e nero sempre del 2011 scritto e diretto da Michel Hazanavicius.


0 Commenti

Film, popcorn e patatine

Prendete una scodella capiente (quanto mi piace la parola scodella) e versateci dentro una confezione di patatine fritte e la stessa quantità di popcorn caldi appena fatti. Avete mai provato a mangiare insieme popcorn e patatine? No?! Fatelo, impazzirete.

Adesso riempitevi un bicchiere di Pepsi gelata e scegliete quali tra questi film, tutti ambientati tra gli anni 40 e 60, volete vedere.

 

Cadillac Records

Film del 2008 scritto e diretto da Darnell Martin che ripercorre l'ascesa e il declino della Chess Records, casa discografica di Chicago fondata da Leonard Chess (interpretato dal magnifico Adrien Brody), che tra gli anni cinquanta e sessanta portò al successo molti artisti di blues, ma anche del soul e R&B come Chuck Berry, Little Walter, Muddy Waters ed Etta James (interpretata da una eclettica Beyonce), segnando un'epoca.

 

 

Quando l'amore brucia l'anima (Walk the Line )

E' un film statunitense che narra la storia del giovane cantante Johnny Cash, mito americano, e della sua turbolenta storia d'amore con June Carter Cash. Nel 1968 il chitarrista Johnny Cash deve fare un concerto nella prigione di Folsom ma prima, osservando una sega circolare, rievoca tutta la sua vita. 

The Majestic

Hollywood, anni cinquanta. Lo sceneggiatore Peter Appleton, inserito nella lista nera come comunista, perde il lavoro e dopo un incidente stradale si risveglia smemorato a Lawson, idilliaca e tranquilla cittadina californiana, che lo scambia per Luke Trimble, eroe di guerra che non aveva fatto più ritorno. Ancora stordito, Peter accetta quella nuova realtà, trova l'amore corrisposto e restaura con il padre Harry il cinema Majestic, ma la verità è pronta a venire a galla. Peter infatti riconquista la memoria e... 


Dream Girls

La storia della frenetica corsa verso il successo delle Dreamettes, un trio di cantanti afroamericane, ispirate alle vere Supremes, gruppo nel quale cantava Diana Ross, che decretarono il trionfo della black music nel panorama USA degli anni sessanta e anni settanta.

Pleasantville

David e sua sorella vivono, in una città californiana negli anni novanta, una complicata vita familiare che li porta a reagire in modi differenti: Jennifer si concentra su valori superficiali mentre David si chiude in sé stesso passando la giornata a guardare la televisione, e in particolare "Pleasantville", sitcom degli anni cinquanta.

Dopo aver rotto il telecomando durante un litigio, compare un tecnico di televisori che offre ai fratelli un nuovo telecomando che li catapulterà nel mondo di Pleasantville, facendoli diventare Bud e Mary Sue Parker, i  figli della famiglia protagonista della sitcom. I ragazzi vivono ora nell'aprile del 1958, in un'allegra cittadina in bianco e nero, stereotipo del sogno americano: a Pleasentville tutto è ordinato, il clima è sereno e il termometro è fisso sui 25C°, tutti sono cordiali e rispettosi, ma... 

Great balls of fire

Nel 1956 dalla Louisiana, il giovane pianista Jerry Lee Lewis si trasferisce a Memphis nel Tennessee per un'audizione con il manager Sam Phillips, fondatore della Sun Records ed ex impresario di Elvis Presley.

Immediatamente scritturato, Lewis ottiene un successo clamoroso con le sue canzoni e il modo di suonare il pianoforte, esaltando il pubblico giovanile, ma disgustando i benpensanti con una musica che giudicano "Satanica" impregnata di doppi sensi ed accompagnata da osceni movimenti delle anche.

A peggiorare la situazione il matrimonio, come terza moglie, di sua cugina (di terzo grado) tredicenne all'epoca delle nozze.

 

 

 

 

Sono tutti affascinanti film moderni che si riferiscono ad epoche passate, e se vi sono piaciuti i popcorn con le patatine, vi consiglio di ripetere questo tipo di serata perchè sono tutti da vedere.


2 Commenti

My vintage lips

Era davvero molto, troppo tempo, che non partecipavo ad una spensierata serata swing. Un po' a causa dei molti impegni e un po' a causa della pigrizia (mea culpa).


Ma ieri ero in"formissima" eh!?! e questa foto lo dimostra :)


1 Commenti

My latest creations! Vintage handbags!

Ma quanto mi piace cucire? Tantissimo! Ecco a voi le mie ultime creazioni:


2 Commenti

Un tuffo nel passato. 68° anniversario dello sbarco di Anzio

Lo scorso 22 gennaio siamo stati ad anzio per il 68° anniversario dello sbarco di anzio.

Una bella manifestazione che si conclude, come ogni anno, con l’attesa ricostruzione e simulazione dello sbarco sulla spiaggia con mezzi anfibi e aerei della 2ª Guerra Mondiale.

Il tempo non era bellissimo, ma almeno non pioveva e non faceva freddo.

 

 

Impeccabili nell'abbigliamento, io e la mia dolce metà, appena "sbarcati" sulla spiaggia, siamo stati quasi presi da assalto da manifestanti, fotografi, appassionati e collezionisti.

Un po' di storia.

Il giorno 22 gennaio 1944 gli eserciti anglo-americani iniziarono a sbarcare su un'ampia fascia costiera di Anzio e Nettuno.

Anzio fu il centro abitato che subì più danni. Oltre alle vittime civili, gran parte del patrimonio edilizio della città andò distrutto. Lo sbarco si protrasse anche nei giorni successivi e terminò il 31 gennaio. In totale sbarcarono oltre centomila uomini con una gran quantità di materiale bellico.

I tedeschi, colti di sorpresa, iniziarono a reagire energicamente solo tre giorni dopo l'inizio dell'azione e Roma, situata a circa cinquanta chilometri di distanza, venne liberata quattro mesi e mezzo più tardi, il 4 giugno 1944. (rif. wikipedia)


Uno tra tutti un generale dei carabinieri in pensione. Un uomo di altri tempi che ha voluto farsi delle foto con noi con una macchinetta fotografica digitale, che poi ci avrebbe stampato e spedito....e così, preso nota del nostro indirizzo, ha fatto!

Erano decenni che non vedevo una busta da lettera dove l'indirizzo era scritto con una "macchina per scrivere"! Mi sono quasi emozionata al ricordo di quanti rocchetti di inchiostro ho cambiato alla nostra macchina sporcandomi le dita con quell'inchiostro. Bei ricordi. Altri tempi.


0 Commenti

our wedding party

A tutti quelli che mi hanno chiesto di raccontare il nostro matrimonio, immaginatevelo con l'aiuto di queste....


5 Commenti

today ♥ my wedding day

 

Tra poche ore sarò una signora...è tutto pronto, più o meno. Se oggi non fosse una delle giornate più calde dell'anno sarebbe tutto perfetto, invece fa caldo, si suda, c'è un'afa che ti toglie il respiro già fievole per l'emozione.

 

I miei nonni mi hanno chiamata questa mattina con la voce rotta dal pianto ed io per la prima volta, da quando abbiamo iniziato i preparativi un paio di mesi fa, mi sono emozionata davvero. Voglio molto bene a nonna Tituccia e nonno Quinto e mi dispiace moltissimo che oggi non potranno esserci...ma io sarò nei loro pensieri e loro nei miei.

Adesso vado a stirare la camicia di Claudio, fare il pranzo ai pandini, preparare le cose da portare, poi una bella doccia e aspetto Vanessa che mi aiuterà con trucco e parrucco anni '50 :-)

 

Nel prossimo post sarò una signora.....ciao ciao


3 Commenti